Pagine    Articoli    Prodotti    Forum    Cerca  
Nickname

Password


Non sei registrato?
Registrati a GPI qui!

Puoi anche attivare un vecchio utente GPI e chiedere una nuova password.
I Team

Mappa Team
I nostri utenti

Mappa Utenti
  Montaggio HDR con GIMP
Pubblicato da Dario Oliveri il 2013-01-15 18:41:25

ATTENZIONE: questo articolo è di difficoltà medio-alta: Si parte dal presupposto che chi lo legge abbia dimestichezza con GIMP e sappia usare correttamente le maschere di livello.

 

 

Le foto HDR sono foto che permettono di cogliere un maggiore numero di dettagli di una scena (zone che normalmente rimarrebbero bianche oppure nere, vengono invece salvate col loro vero colore). Normalmente la profondità di colore è 8 bit per canale, con le foto HDR si arriva a 16 e perfino 32 bit per canale. Ovviamente sorge subito un problema: Come possiamo rappresentare un'immagine a 16-32 bit di profondità se i monitor dei nostri computer non possono rappresentarle? (ogni monitor arriva fino a 8 bit per canale).

 

Possiamo farlo usando il Tonemapping : una tecnica abbastanza complessa di cui esistono numerosissime varianti.

 

In questo articolo cercheremo di "imitare" il tonemapping usando GIMP. Questo può farvi risparmiare i soldi di un programma di montaggio HDR (alcuni costano davvero parecchio).

 

Non è quindi necessario avere:

 

-Macchina fotogratica RAW

-Photoshop o altri programmi costosi che accettano il formato RAW

 

Noi infatti ci accontenteremo di una macchina che abbia l'AEB (oppure possiamo munirci di pazienza e scattare manualmente 4 foto della stessa scena), e del programma gratuito GIMP (di cui dovreste conoscere le basi, perchè questo articolo è già abbastanza lungo senza dilungarsi sui dettagli).

 

Partiamo con 4 diverse esposizioni prese da wikipedia al link:

QUI (Licenza Creative Commons)

 

 

 

L'idea di base è di prendere di ogni immagine solo le parti migliori (zone ne troppo luminose ne troppo scure).

L'importante è organizzarsi bene il proprio file di GIMP in modo da semplificarsi il lavoro.

 

Esempio:

 

 

 

Come potete vedere c'è un livello "sfondo" (di colore ben vivace, questo ci aiuterà parecchio). E ci sono poi 4 "cartelle", dentro ogni cartella possiamo mettere tutti i livelli intermedi che non ci interessano alla fine del montaggio. E' abbastanza importante organizzare bene il file di GIMP per velocizzare la procedura.

 

Partiamo dall'ultima immagine "-4 originale", assicurandoci che sia visibile. Di questa immagine ci interessa vedere ben poco (solamente le poche luci visibili):

 

-Duplichiamola
-mettiamo il duplicato invisibile e convertiamo a scala di grigi (desaturazione->lucentezza)
-Usiamo il duplicato come maschera di livello per "-1 originale"
-Invertite i colori della maschera di "-1 originale"
-A questo punto possiamo mettere visibile pure il livello "-1 originale"
-Regoliamo la luminosità e il contrasto della maschera di livello di "-1 originale" fino a ottenere un aumento di luminosità in tutta la foto senza però avere strani aloni.
-Potete mettere invisibile il livello "-4 originale" e aiutarvi con il colore di sfondo per regolare luminosità e contrasto.

 

Importante: NON APPLICATE LE MASCHERE DI LIVELLO. Dovete lasciarle a portata di mano in modo da applicare correzioni che a volte si rendono necessarie.

 

Trovate le differenze!

 

 

 

 Si può continuare in modo analogo anche per le altre immagini. Per la 3° immagine ( "+1 stop") Vogliamo far sparire tutte le zone più luminose, il seguente risultato è accettabile. ( ho trovato che l'immagine che c'è su wiki pedia è leggermene disallineata, quindi dovrete spostare l'intero livello di di -1 lungo l'asse delle X per riparare la foto: Livello->Trasforma->Spostamento ).

 

 

 

Bene ora resta da fare l'ultima immagine. Anche di questa vogliamo cancellare le zone più chiare:

 

 

In pratica ci rimane il pavimento, il cielo e appena un accenno dei palazzi.

 

Risultato se mettiamo visibili i 4 originali:

 

 

Ad alcuni piacciono così le foto HDR, ma se vi sembra "troppo finta" in realtà è sufficiente un piccolo trucchetto per rimediare in grande stile, Infatti non vi resta che applicare "sfocatura gaussiana" alle maschere di livello..

 

Le sfocature servono per aumentare il contrasto sui piccoli dettagli (ad esempio i contorni o le finestre).

 

Unico consiglio, prima di eseguire le sfocature e aggiustare le luminosità delle maschere vi conviene ripartire dal livello meno luminoso e aggiungere progressivamente gli altri livelli, così di volta in volta si vede cosa non va. Partire dal livello più alto invece non permette di capire cosa cambia.

 

In questo caso gli ultimi accorgimenti sono stati (si possono ottenere un sacco di effetti diversi solamente dosando le varie sfocature):

 

-maschera Livello "-1 stop" sfocatura gaussiana di 5 pixel
-maschera Livello "+1 stop" sfocatura gaussiana di 40 pixel
-maschera Livello "+4 stop" sfocatura gaussiana di 70 pixel
-maschera Livello "+4 stop" e ridurre la luminosità a piacere.

 

Et voilà (in realtà mi è venuto male, di solito faccio montaggi con 3 foto, stavolta ne ho usate 4 e il peggioramento si vede. Molto divertente comunque):

 

Da notare che sull'immagine finale non ho apportato alcuna modifica (non è stato necessario regolare i colori oppure la luminosità e i contrasti). Volendo quindi potete ancora applicare effetti di post-produzione (Anche se sarebbe molto più divertente applicarli ai livelli separati piuttosto che all'immagine finale).

 

 

Montaggi fatte da altre persone:

 

Questo qui invece l'ho preso di nuovo da wikipedia e serve per fare il confronto:

 

 

Inoltre si possono aggiungere vari effetti speciali, ad esempio: prima di invertire i colori nelle maschere di livello si può applicare un effetto "Supernova" e dare l'impressione dei "raggi di luce". Dopo il montaggio tali raggi risulteranno molto più realistici dei normali raggi di luce (restano maggior mente integrati nell'immagine):

 

Riuscite a vedere i raggi di luce aggiunti?

 

 

Uno dei vantaggi di questo "montaggio manuale" fatto con GIMP è che le immagini finali sono molto più realistiche delle immagini fatte con programmi automatizzati, per esempio:

 

Questa immagine (sempre presa da wikipedia) non è molto realistica perchè su aree della stessa luminosità si vedono forti contrasti, alcuni la preferiscono così, però sebbene sia molto "sgargiante" è evidente che è stata modificata.

 

Lo stesso risultato credo che comunque si possa ottenere ugualmente con GIMP, solamente che devo lavorarci ancora un pò su questo.

Campagne crowfunding

Just One Line
Siamo presenti su

     
Copyright ©2016 - Manifesto - Privacy - Termini di Servizio - Community - Collaboratori - Contattaci