Pagine    Articoli    Prodotti    Forum    Cerca  
Nickname

Password


Non sei registrato?
Registrati a GPI qui!

Puoi anche attivare un vecchio utente GPI e chiedere una nuova password.
I Team

Mappa Team
I nostri utenti

Mappa Utenti
    Victory: The Age of Racing
Pubblicato da Antonio Moro

Update: Victory: The Age of Racing su Steam Greenlight, dateci una mano! :)

http://steamcommunity.com/sharedfiles/filedetails/?id=97896468

 

 

 

 

Dopo oltre quattro anni di sacrifici e culo atomico grande impegno, Vae Victis rilascia la Patch 9.0 di Victory: The Age of Racing che inaugura la fase due della open beta.

 

La Beta 2 si presenta con un’interfaccia quasi completamente rinnovata, un nuovo sistema di performance point, nuovi “Wonder” point e Race Point, nuovo item market, nuovo launcher, un riequilibrio generale di tutta l’economia e, soprattutto, l’introduzione dei premium account e Victis Gold che danno inizio, di fatto, alla monetizzazione del progetto.

 


 

Victory è un videogioco di corse online molto particolare: in un futuro prossimo il mondo decide di poter fare a meno delle macchine come le intendiamo oggi, viene quindi creato un sistema mondiale di auto guida basato su pod comandanti con satellite: DriveNet.

 

I maggiori produttori di auto del mondo in pochi anni chiudono i battenti e, con loro, la cultura stessa del racing: non si corre più, non ci sono più gare, il racing è morto.

A questo punto un gruppo di appassionati si riunisce sotto quella che viene chiamata Racing Authority e ricomincia ad organizzare gare e campionati in piste abbandonate o ricostruite in giro per il mondo, lontane dai satelliti di sorveglianza di DriveNet.

 

Appassionati di tutto il mondo si rimettono a costruire auto a ruote scoperte, partecipando ai diversi campionati della Racing Authority individualmente o come team.

Victory: The Age of Racing mette a disposizione degli utenti un avanzato sistema di creazione da zero dell’auto: non sono infatti presenti modelli reali o pre costruiti, è il giocatore stesso che crea le proprie auto. Un sistema in pratica di user generated cars che esce dallo schema classico di “compra la licenza, vendi in game la marca x e il modello y di auto”.

Le auto poi possono essere evolute con un sistema simile ai classici giochi di ruolo: Ogni auto è descritta da 6 attributi principali in cui è possibile allocare i Performance Points che si guadagnano levellando i 60 livelli previsti dal gioco.

 


 

E’ possibile giocare online contro altri piloti in diverse modalità, su server dedicati o privati, è presente una modalità single player per l’allenamento, un item market con oltre 500 oggetti, un sistema di widget che danno bonus ulteriori agli attributi, un avanzato sistema di achievements, matchmaking, statistiche online e una completa integrazione del gioco con il suo sito ufficiale che presenta per ogni iscritto una dashboard personale con le proprie statistiche di gioco, le classifiche in tempo reale, la possibilità di votare le macchine più belle create dagli altri piloti… e un’infinità di altre feature che non avrebbe senso elencare una per una.

 

Molti di voi sanno che non solo faccio parte di Vae Victis, ma ne sono uno dei fondatori: Victory è il nostro bambino e prima o poi scriverò un lungo post di quanto è stato, è e sarà ancora difficile per noi sviluppare un videogioco del genere in Italia, con un team tutto italiano, senza finanziatori esterni.

 

Vae Victis è uno studio di una ventina di persone in Romagna che ha sviluppato interamente il gioco e, negli ultimi 6 mesi, è diventato anche publisher dello stesso, aggiungendo alla complessità dello sviluppo del gioco anche quella dello sviluppo di una piattaforma completa per il publishing online, con sistemi di pagamento, support, game server, statistiche, marketing, PR, Affiliate Program e tutto quello che serve ad un self publishing moderno.

 

 

Un caso più unico che raro in Italia, siamo stati e siamo dei pazzi assoluti molto probabilmente, ma sono ormai 5 anni che ci ripetiamo che “chi non risica… non rosica”.

Volevamo fare questa cosa in Italia, con degli italiani, ai massimi livelli mondiali. Lo stiamo facendo: il progetto è ancora molto lungo e le difficoltà semplicemente infinite.

Solo il tempo ci dirà se ne è valsa la pena veramente, ma credo che a prescindere dal successo che Victory avrà in giro per il mondo ne sia valsa la pena: se non altro per dimostrare che si, si può fareanche in Italia.

Supportate Victory iscrivendovi, scaricandolo e giocandolo:res:

 

Victory: The Age of Racing (victorythegame.com)


























































Campagne crowfunding

Just One Line
Siamo presenti su

     
Copyright ©2016 - Manifesto - Privacy - Termini di Servizio - Community - Collaboratori - Contattaci